Conferenza “Il viaggiatore tra il tempo e lo spazio” – 16.09.2019

Vi  ricordiamo l’incontro che avremo il prossimo lunedì 16 settembre con Silvio Mignano, Ambasciatore d’Italia in Svizzera che terrà la conferenza

“Il viaggiatore tra il tempo e lo spazio”

ore 19:00, Unitobler, sala F021, Lerchenweg 36, 3012 Berna.

Nell’attendervi numerosi, vi lasciamo con un brano del suo libro  Pilar degli Invisibili:

Gabriele è abituato a un’ altra Basilea, a  cominciare dalla multinazionale farmaceutica nella quale lavora come ricercatore e dove si comunica soprattutto in inglese, anche tra connazionali, italiani con italiani, francesi con francesi, svizzeri con svizzeri. E poi i viali alberati attorno alla chiesa di Sankt Pauli, le villette con un rettangolo di giardino sul davanti e i quattro-cinque gradini che portano all’ingresso, la balaustra in ferro battuto verniciato di nero e le facciate ocra o rosse. All’interno, o nelle verande sul retro, ci s’incontra i venerdi sera a cena e si parla in schwitzerdütsch con un professore di storia dell’arte e una biologa, o in italiano con un’altra coppia di espatriati, assistenti universitari o funzionari di banca (espatriati, come ci si tiene a questa parola! Espatriati, non emigrati). Allora sua moglie Annamaria tira fuori la tovaglia di fiandra e l’argenteria che altrimenti e un peccato essersi portati dietro fin lassu, in quella terra civile ma ammalata di informalita e di rapporti umani e sociali apparentemente (quanto apparentemente!) semplici.
II fine settimana quelli come loro lasciano quasi sempre la citta. Se e inverno si va fino a Interlaken, dove si puo sciare, e se no ci sono i laghi, ii castello di Thun, l’opera a Zurigo, l’aereo per Parigi o Monaco di Baviera, le escursioni in Alsazia o nella Foresta Nera. Non per niente si vive nel cuore dell’Europa, sullo snodo del Reno, a due ore di macchina o d’aereo da qualsiasi offerta si desideri cogliere.
Percio’ Gabriele non aveva mai visto questa Basilea, le famiglie che si aggirano spaesate per le strade assolate e semivuote della domenica, tra negozi chiusi e turisti diretti ai grandi musei di arte contemporanea. Non era mai passato accanto a due giovani genitori con la carrozzina e non aveva scoperto che parlano tra loro in italiano, discutendo di come far quadrare i conti a fine mese. Non aveva preso la linea del dieci verso lo zoo seduto accanto a un gruppo di signore con i bambini che chiacchierano in turco o in una lingua slava. Certo, se avesse fatto tutte queste cose non avrebbe visto una poverta disperata, di quelle che spaventano, ma avrebbe almeno annusato qualcos’altro: solitudine, guizzante come un serpe, anche in mezzo a gruppi di persone che si stringono per affrontarla insieme.

 

 

 

Un viaggio d’estate condiviso con Dante

Articolo sul festival Assisi Suono Sacro 2019 (foto con link al testo pdf)
Sulle tracce di Dante…appunti da viaggio della presidente del Comitato di Berna della SDA.

Racconta Anna Rüdeberg-Pompei, presidente del Comitato di Berna della Società Dante Alighieri.

“Ero partita sulla scia delle parole che Maria Antonietta Terzoli all’inizio di questa estate ci aveva letto, quelle di Francesca per il suo Paolo, e che non riuscivo a scrollare dalla mente, le conosciamo:

Amor, ch’a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì
forte, che, come vedi, ancor non
m’abbandona.

Di seguito quelle di Dante, a cui mi univo, tanto mi piaceva vagheggiare intorno ad un analogo deliquio:

sì che di pietade / io venni men così com’io morisse. // E caddi come corpo morto cade. (Inferno, Canto V, vv. 103-105 e 140-142.)”

Il viaggio, iniziato  a Gallura, prosegue  per concludersi nel cuore dell’Umbria con la settima edizione del  Festival Assisi Suono Sacro . L’annuale appuntamento con musica e spiritualità  quest’anno porta il nome di Dialogos: un progetto che, ricordando l’incontro fra San Francesco e il Sultano Malek al Kamil di cui quest’anno ricorrono gli 800 anni, fa concentrare questa edizione del Festival su uno dei suoi temi prediletti: il dialogo come strumento prezioso di crescita spirituale, umana e di Pace.

19/08/23 -Ripresa delle attività del Comitato di Berna della SDA
– Incontro con l’ambasciatore Silvio Mignano

Cari Soci,

siamo lieti di annunciare che il prossimo 16 settembre, dopo la pausa estiva, riprenderanno le attività del Comitato di Berna della Società Dante Alighieri.

Avremo come graditissimo ospite:

Silvio Mignano
Ambasciatore d’Italia in Svizzera

che all’attività di diplomatico affianca quella di scrittore, poeta e illustratore.

La conferenza “Il viaggiatore tra il tempo e lo spazio” avrà luogo lunedì 16 settembre alle ore 19:00 presso l’Unitobler, sala F021, Lerchenweg 36, 3012 Berna.

19/03/31
Il giovane favoloso
-proiezione del film il 01.04.19

“Io non ho bisogno di stima, di gloria o di altre cose simili. Io ho bisogno di amore, di entusiasmo, di fuoco… di vita”

Presentato in concorso alla 71esima Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia, Il giovane favoloso è un’opera biografica del grande autore italiano nel quale il regista, Mario Martone sceglie di mostrare a tutto tondo gli eventi fondamentali di una vita dedita alla scrittura e allo studio; ma soffermandosi, soprattutto, sull’importanza di alcuni valori che vengono messi in mostra grazie a passi di sceneggiatura azzeccati o a movimenti di macchina espressivi.