Parco Letterario Grazia Deledda – Sa Chita Santa in Garteddi

 

#iorestoincasa

Nel marzo 2018, in un articolo pubblicato sul Corriere degli Italiani, la  presidente del Comitato  ci descriveva  le bellezze  del Parco Letterario Grazia Deledda a Galtellì.

In occasione della Settimana Santa,  vi proponiamo Sa Chita Santa in Garteddi, una delle celebrazioni piu’ significative della tradizione pasquale sarda nell’ambiente descritto da Grazia Deledda  in Canne al vento accompagnate dalle  voci del  coro Sos cantores de Garteddi. Andate a vedere eascoltare con i nostri auguri !

È durante la Settimana Santa che il sentimento religioso insito nella comunità galtellinese raggiunge il culmine con attimi di intensa emozione e partecipazione. Tra le piu coinvolgenti della Sardegna, la Settimana Santa nell’antico borgo medioevale è un’esperienza unica e appassionante. Fede e tradizione si amalgano nei rituali di origine spagnola tramandati da secoli dalle due confraternite del paese, Santa Rughe (1614) e Sas Animas (1729) che accompagnano con antichi canti religiosi in lingua sarda e latina le diverse cerimonie.Quest’anno non sarà possibile seguire i riti di persona e la maggior parte di essi non potranno essere svolti. Abbiamo pensato di provare a viverli comunque insieme e a distanza con questa piccola ma sentita iniziativa.(…)Nel tardo pomeriggio del Giovedí Santo (Jovia Santa) si celebra la Messa in Cena Domini che inaugura il Triduo pasquale con la cerimonia del Lavabis  durante la quale si canta il Miserere Salmo 50. Segue il rito de Sas Ecresias. La processione lungo le vie e per le chiese del centro storico viene tradizionalmente accompagnata  dal canto delle due confraternite e dal suono delle metraculas (tavole di legno alle quali vengono attaccate delle maniglie di ferro e dei chiodi che producono un suono assordante) suonate dai bambini. Prima della rappresentazione della cena i confratelli convengono in un’unica sede e subito dopo la benedizione del cibo viene cantato sommessamente il Miserere de sa Jovia Santa, poi ognuna delle due confraternite si riunisce nella propria sede per consumare la cena. Alla fine della cena si cantano i Gotzos de sos Dolores .Sas Ecresias viene ripetuto la mattina presto del Venerdì Santo (chenapura de passione) che anticipa il cerimoniale della rappresentazione de S’incravamentu (discendimento dalla croce). Sempre il pomeriggio del Venerdì  durante la solenne celebrazione della Liturgia della Croce i Cantores sono chiamati alla pratica del canto a cuncordu (dichiarato patrimonio immateriale dell’Unesco), eseguendo tra i quali i Gotzos de Santa Rughe, durante il rito del bacio della Croce l’inno Vexilla Regis. Il commovente e partecipato rito de S’Iscravamentu, inizia con la Sequenza dello Stabat Mater, sempre a cura de Sos cantores de Garteddi, dove otto di essi eseguono i versi che compongono il rito. Segue subito dopo il partecipato interru de Zesu Cristos, confraternite e fedeli percorrono le vie del paese portando in processione il simulacro del Cristo Morto.

                                                                Sos  Cantores de Garteddi, Pasqua 2020

 

Dante Di’ – 25.03.2020 – nei Parchi Letterari e altrove

#iorestoincasa

Il 25 marzo Dante Alighieri inizio’  il suo viaggio addentrandosi nella selva oscura.  Per  celebrare il  Dante Di’, vi proponiamo la passeggiata  nei Parchi Letterari.

Siamo tutti invitati a leggere Dante e riscoprire i versi della Commedia. I Parchi Letterari, con la nuova abracapp  vi invitano tutti ad affacciarVi alla finestra, fotografare ciò che vedete, scrivere sotto la foto un verso della Divina Commedia e condividere le sensazioni che provate partecipando alla lettura collettiva.

Fotografi la Gioconda e scrivi le tue sensazioni. Chi verrà dopo di te al Louvre le potrà leggere e commentare. Fotografi il menu con le ricette di Grazia Deledda e chi verrà dopo di te nei ristoranti di Galtellì avrà ulteriori consigli su cosa scegliere tra Ricotta e abbathu o Su coro de sa cuffitura descritti  in Canne al vento.

A tra pochissimo su abracapp!

 

Rinvio del concerto Il sole scioglie le nuvole

Cari Soci e Amici,
in accordo con l’Ambasciata d’Italia a Berna e con il Forum Menuhin, il Comitato di Berna della Società Dante Alighieri, ottemperante alle linee indicate in relazione al Coronavirus dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e dalla Direzione della Salute del Cantone di Berna (GEF),comunica che

il concerto Il sole scioglie le nuvole dell’8 Marzo 2020

è rinviato a data da stabilirsi.

Molto dispiaciuti ma certi della vostra attenzione e comprensione vi salutiamo con ogni cordialità.