architettura

17/05/24
Dimore storiche svizzere: testimonianze e messaggi di un ricco patrimonio costruito

Abbiamo il piacere di segnalarvi il nostro prossimo evento

Dimore storiche svizzere: testimonianze e messaggi di un ricco patrimonio costruito

presentata da
Ambasciatore Gian Federico Pedotti, membro della nostra associazione

che si terrà il
17 maggio alle ore 18:30
presso
Mediothek, Pädagogische Hochschule Bern (ex Schulwarte)
Helvetiaplatz 2, CH-3005 Berna

Gian Federico Pedotti, nato a Lugano nel 1943, è originario di Bellinzona. Dopo lo studio in scienze sociali presso l’Università di Losanna, entra in servizio nel 1970 presso il Dipartimento federale degli affari esteri a Berna. Nel corso dello stesso anno verrà trasferito a Teheran, quindi a Vienna e a Roma dove, nel 1983, sarà nominato consigliere d’ambasciata. Nel corso dello stesso anno, sarà trasferito all’Aia in veste di primo collaboratore supplente del capomissione. In seguito, diviene parte della Divisione politica a Berna. Trasferito a Quito come incaricato d’affari ad interim e quindi nominato nel 1991 Ambasciatore in Equatore, occuperà successivamente lo stesso incarico in Giordania, in Libano e a Cipro. Ambasciatore straordinario e plenipotenziario di Svizzera nel Regno di Norvegia e nella Repubblica d’Islanda con residenza a Oslo, sarà successivamente ambasciatore in Messico. Nel corso della sua lunga e variata carriera diplomatica, Gianfederico Pedotti ha pure assunto le funzioni di Consigliere culturale a Vienna e a Roma, due capitali europee con le quali Berna intrattiene gli scambi culturali più intensi, oltre a condividerne le lingue.

In quanto membro del consiglio nazionale dell’Associazione svizzera dei proprietari di dimore storiche, Domus Antiqua Helvetica e rappresentante della stessa istituzione presso il Consiglio di Europa Nostra (federazione pan-europea per la salvaguardia del patrimonio culturale europeo), dopo il suo pensionamento, Gianfederico Pedotti ha avuto il piacere di poter impegnarsi, tanto a livello nazionale che sul piano internazionale, in favore della protezione e la promozione di questa nostra eredità culturale, comunemente compartita.

Verified by MonsterInsights